mercoledì, dicembre 30, 2015

 

Senza titolo


Fine anno, inizio di quello nuovo: occasione di bilanci di vita, definitivi e irrevocabili, rigidi come ghiaccio.
Ci fu un tempo in cui, entusiasta per aver scoperto Cechov, facevo leggere le tre paginette della novella “Uno scherzetto” a tutti i conoscenti, specialmente alle ragazze, indipendentemente dal grado di conoscenza reciproca, per avere un parere, un commento, un’interpretazione. Ricordo con precisione le discussioni derivate da giudizi completamente diversi dalla mia opinione personale, che cercavo di non svelare a causa del profondo disaccordo nei confronti di tutte le altre persone, in special modo di genere femminile.
In definitiva affido a questa pagina il testo della storia che considero la più bella novella romantica di tutti i tempi, con la preghiera di trovare due minuti per aggiungere un vostro breve commento.
Vorrei vedere se i tempi sono (o non sono) davvero cambiati, da allora.
Ma non mi faccio speranze, avendo letto alcuni commenti femminili sul seguente documento YouTube, il cui testo segue, subito appresso.




UNO SCHERZETTO,   A. Cechov (1860 - 1904)

È un sereno meriggio d’inverno… Il gelo è rigido, la neve scricchiola e a Nàden’ka, che mi ha preso per il braccio, si coprono di una brina argentea i riccioli sulle tempie e la lanugine sul labbro superiore. Siamo sulla cima di una montagnola. Dai nostri piedi fino al piano si stende una superficie levigata, in cui il sole si mira come in uno specchio. Accanto a noi è una piccola slitta foderata di panno vermiglio. – Andiamo giù, Nadezda Petrovna! – imploro io. – Una sola volta! Vi assicuro, arriveremo sani e salvi. Ma Nàden’ka ha paura. Lo spazio che corre dalle sue piccole calosce fino ai piedi della montagnola di ghiaccio le sembra spaventoso, un abisso d’insondabile profondità. Quando guarda giù, si sente morire e le si mozza il respiro, non appena le propongo di sedersi nella slitta; e che cosa accadrà quando si arrischierà di volare in quell’abisso! Morirà, impazzita. – Vi supplico! – dico io. – Non dovete aver paura! Non capite che è debolezza, viltà? Finalmente Nàden’ka cede, e dal suo volto vedo che cede con la paura di rischiare la vita. L’aiuto, pallida, tremante a sedersi nella slitta, le cingo con il braccio la vita, e con lei mi precipito nell’abisso. La slitta vola come un proiettile. L’aria tagliata frusta i nostri visi, ulula, fischia nelle orecchie, tira, punge dolorosamente di rabbia, sembra voglia strappare la testa dalle spalle. La violenza del vento non dà forza di respirare. Pare che il diavolo stesso ci abbia afferrati con le sua zampe e urlando ci trascini all’inferno. Gli oggetti intorno si confondono in una unica striscia lunga che corre vertiginosamente… Ecco, ecco, ancora un istante, e sarà, sembra, la nostra rovina! – Vi amo, Nadja! – dico sottovoce. La slitta comincia a scivolare sempre più lentamente, e l’urlo del vento e il ronzio dei pattini non sono più così spaventosi, il respiro non è più mozzato, e finalmente, siamo arrivati in basso. Nàden’ka non è né viva né morta. E pallida respira appena: L’aiuto ad alzarsi. – Per nulla al mondo ci tornerei un’altra volta – dice guardandomi con occhi sbarrati, pieni di terrore. – Per nulla al mondo! Per poco non morivo! Poco tempo dopo si è rimessa e già comincia a guardarmi negli occhi con un’espressione interrogativa, come volesse accertarsi, se ho detto quelle tre parole veramente, o se le è sembrato solo di udirle nel frastuono del turbine. Ed io me ne sto accanto a lei, fumo ed osservo attentamente il mio guanto. Mi prende sottobraccio, e a lungo passeggiamo accanto alla montagnola. L’enigma, evidentemente, non le dà requie. Sono state pronunciate quelle parole, oppure no? Sì, o no? Sì o no? E’ una questione d’amor proprio, d’onore, di vita, di felicità, una questione molto importante, la più importante del mondo. Nàden’ka mi guarda il viso impaziente, triste, con uno sguardo scrutatore, non risponde a tono, aspetta che io mi metta a parlare. O come variano le espressioni sul quel volto caro, come variano! Vedo che essa lotta con se stessa, che ha bisogno di dirmi qualcosa, di chiedermi qualcosa, ma non trova le parole, si sente impacciata, atterrita, la gioia la turba… – Sapete che cosa? – dice senza guardarmi in viso. – Che cosa? – domando io. – Facciamolo ancora una volta… scendiamo in slitta. Ci arrampichiamo per la scala sulla vetta del pendio. Di nuovo aiuto Nàden’ka pallida, tremante ad accomodarsi nella slitta, di nuovo voliamo nel terribile abisso, di nuovo urla il vento e ronzano i pattini, e di nuovo quando la slitta ha raggiunto la sua massima velocità io dico sottovoce nel frastuono: – Vi amo, Nàden’ka! Quando la slitta si ferma, Nàden’ka abbraccia con uno sguardo la montagnola sul dorso della quale siamo or ora discesi, poi scruta a lungo il mio viso, ascolta la mia voce indifferente e spassionata, e tutta, tutta, perfino il suo manicotto e il cappuccio, tutta la sua figurina esprime una estrema perplessità. Sul suo viso sta scritto: – Che succede? Chi ha pronunciato quelle parole? Lui, oppure mi è parso soltanto di sentirle? Questa incertezza la rende inquieta, la impazientisce. La povera fanciulla non risponde alle domande, si fa scura in viso. E’ sul punto di scoppiare in lacrime. – Dobbiamo forse tornare a casa? – domando io. – Ma, a me… a me piace questo scendere in slitta – dice arrossendo. –Non potremmo forse scendere un’altra volta? Le “piace” questo scendere, e tuttavia, mentre si siede nella slitta, è pallida come le prime volte, respira appena dal terrore, trema. Facciamo la discesa una terza volta, e mi accorgo, come mi guarda in viso, fissa le mia labbra. Ma io mi accosto alle labbra un fazzoletto, tossisco e, quando raggiungo la metà della discesa, faccio in tempo a sussurrare: – Vi amo, Nadja! L’enigma rimane tale! Nàden’ka tace, pensa a qualcosa… La riaccompagno a casa, essa cerca di camminare più adagio, rallenta i passi e aspetta sempre che le dica di nuovo quelle parole. E vedo, quanto soffre la sua anima, come sta facendo uno sforzo su se stessa, per non dire: – Non può essere che le abbia dette il vento! E non voglio che le abbia dette il vento! Il giorno dopo ricevo la mattina un biglietto: “Se oggi andate alla pista delle slitte, passate a prendermi. N.” E da quel giorno comincio ad andare quotidianamente con Nadja alla pista e, mentre voliamo giù sulla slitta, pronuncio ogni volta sottovoce quelle stesse parole: – Vi amo, Nadja! Ben presto Nàden’ka s’avvezza a questa frase, come ci si avvezza al vino o alla morfina. Non può più vivere senza di essa. E’ vero che le fa sempre molta paura volar giù dalla cima della montagna, ma ormai il terrore e il pericolo conferiscono un fascino speciale alle parole d’amore, alle parole che come prima formano un enigma e fanno languire l’anima. Il sospetto cade sempre sugli stessi due: su di me e sul vento… Chi dei due le faccia la dichiarazione d’amore, essa non sa, ma ormai evidentemente per lei è lo stesso; non importa da quale recipiente si beva, basta che ci si inebrii. Un pomeriggio mi recai da solo alla pista; mescolatomi con la folla, vedo che Nàden’ka si avvicina alla montagnola, che mi cerca con gli occhi… Poi timidamente si arrampica su per la scaletta… E’ terribile far la discesa da sola, oh, com’è terribile. Ė pallida come la neve, trema, cammina come se andasse al patibolo, ma cammina, cammina senza guardare indietro, decisamente. Ha deciso, si vede, di provare finalmente se sarà possibile udire quelle parole dolci, stupefacenti, quando non ci sono io. Vedo come pallida, la bocca aperta per lo spavento, si siede nella slitta, chiude gli occhi e, detto per sempre addio alla terra, si mette in moto… “ssss”… ronzano i pattini. Ode Nàden’ka quelle parole? Non lo so… Vedo soltanto come si alza debole, sfinita, dalla slitta. E’ dal suo volto che si capisce che essa stessa non sa se abbia o no udito qualcosa. Il terrore, mentre scivolava, le ha tolto la facoltà di udire, di distinguere i suoni, di capire… Ma ecco che viene il mese primaverile di marzo… il sole si fa più carezzevole. La nostra montagnola di ghiaccio diventa più scura, smette di luccicare e finalmente si scioglie. Smettiamo di andare in slitta. Per la povera Nàden’ka non c’è più possibilità di sentire quelle parole, eppoi chi le può ormai pronunciare? Il vento non si ode più, e io mi accingo a partire per Pietroburgo, per lungo tempo, probabilmente per sempre. Una volta, due o tre giorni prima della partenza, me ne sto seduto, al crepuscolo, nel giardino, che uno steccato alto sormontato da chiodi separa dal cortile, dove vive Nàden’ka… Fa ancora piuttosto freddo, sotto il concime c’è ancora la neve, gli alberi sono morti, ma c’è già odor di primavera e, mentre si preparano a dormire, le cornacchie gracchiano rumorosamente. Mi avvicino allo steccato e guardo a lungo attraverso una fessura. Vedo Nadja che esce sulla soglia e volge uno sguardo mesto, nostalgico al cielo… Il vento primaverile le soffia diritto sul viso pallido, abbattuto… Le ricorda quell’altro vento, che allora ci urlava in viso sulla montagna, quando udiva quelle tre parole, e il suo volto si fa triste, triste, e lungo la guancia scende lenta una lacrima… E la povera fanciulla protende tutte due le braccia, come volesse pregare il vento di recarle ancora una volta quelle parole. Ed io, dopo avere atteso che il vento soffi di nuovo, dico sottovoce: – Vi amo, Nadja! Dio mio, che succede ora! Lancia un grido, sorride con tutto il viso e protende incontro al vento le braccia, beata, felice, così bella. E io torno a far le valigie… Questo è accaduto molto tempo fa. Ora Nàden’ka è già maritata; l’hanno data in sposa, o s’è data lei stessa, non importa, al segretario della Camera di tutela nobiliare, e ormai ha già tre bambini. Ma il ricordo di quando andavamo in slitta e il vento le recava le parole “vi amo, Nàden’ka”, non si è spento; per lei è il ricordo più felice, più commovente e splendido della sua vita… Mentre io ora che mi sono fatto più vecchio, non riesco più a capire perché dicessi quelle parole, a che scopo scherzassi…

Etichette: , ,


martedì, dicembre 15, 2015

 

Un mare di auguri dal mare di Riccione







Con questi inconsueti quadri invernali della spiaggia di Riccione auguro
Buon Natale e Felice Anno Nuovo
a tutti gli amici e aficionados che per qualsiasi ragione arrivano su questa pagina.

 

L’albero di Natale (forse più del Presepe) viene allestito con amore da persone anche anziane, senza nessun timore di compiere un gesto obsoleto ormai fuori moda, del tutto inutile.
Questa tradizione affonda le sue radici in una sorta di imprinting infantile che scandisce il trascorrere degli anni nella nostra psiche e allo stesso tempo ci richiama alla memoria la magia del Natale con tutti i parafernalia del caso: auguri, regali, buoni propositi, avvento, neve, slitte, Babbo Natale, pranzo speciale, panettone, cinepanettone e chi più ne ha, più ne metta. In definitiva l’albero natalizio è una pietra miliare negli anni della nostra vita, con la sua continuità ci rassicura che siamo ancora ben vivi e vegeti.
Per una ragione simile i produttori di spettacoli cinematografici che hanno un certo successo con un film, si lanciano poi in sequel successivi o persino prequel.
Analogamente, desideriamo vedere la recitazione di un attore o attrice che ci ha commosso anche in un nuovo spettacolo, perchè ci fidiamo dell’esperienza passata.
In questi giorni si proietta sugli schermi l’ultimo episodio di Guerre Stellari: è una ghiotta notizia persino per i telegiornali della varie nazioni che si affannano a reclamizzare (gratis) l’evento.
Nel quadro di queste considerazioni devo confessare la mia dipendenza nei confronti di certe serie televisive che ti innestano sul tronco degli affetti e dell’empatia dei personaggi che diventano nostri amici, quasi parenti virtuali che spartiscono con noi la loro vita, con la puntualità tipica dei veri amici (estinti o in via di estinzione).
Ricordo volentieri ad esempio numerosi episodi di “Un medico in famiglia” o “Provaci ancora prof!”. I miei favori vanno attualmente a “The good wife” di cui ho visto tutti gli episodi fino alla settima serie, che osserva (ahimè, anzi mannaggia) una pausa natalizia. Il produttore di questa eccellente serie televisiva è il grande Ridley Scott, che ha diretto numerosi capolavori tra cui, eccezionale, “Il gladiatore”. Insomma la classe non è acqua, quindi un nome, una garanzia. Dunque è comprensibile il mio spontaneo entusiasmo per Alicia Florrick e famiglia.
Inoltre ho scoperto un'ulteriore ragione per appassionarmi agli sviluppi di questa serie del genere "legal": gli avvocati protagonisti spesso si occupano di problemi legali connessi al mondo informatico, talora addirittura di pirateria o ricatti e minacce via Internet. Il tutto viene trattato dagli autori in modo molto attuale, plausibile e comprensibile. Autori che devono essere non solo ex-avvocati, ma anche abili informatici o comunque tecnofili esperti.
Peraltro non sono caduto nel tranello subliminale che permea pesantemente questa serie televisiva, o forse ci sono caduto, ma non me ne sono (ancora) accorto. Mi riferisco al consumo di vino e superalcolici ostentato ad ogni occasione possibile. In effetti devo confessare una correlazione tragica appena notata: tutte le bottiglie presenti nel bar di casa non hanno un contenuto superiore ai tre millimetri di altezza.
Forse è il caso di preoccuparsi, ma non semplicemente comperando nuove bottiglie…

Etichette: , , , ,


martedì, dicembre 08, 2015

 

Bandito da Google


Ogni tanto verifico la popolarità di questo blog per le parole chiave relative al famoso gioco della RSI.
Alcuni giorni fa ho dovuto constatare che mentre i motori di ricerca di Bing e Yahoo mi riportano in prima pagina, invece Google mi ha completamente BANDITO, probabilmente come spammer. Un simile fatto era già capitato, riuscendo poi io ad invertire la rotta, eliminando un grosso numero di vecchie risposte dell'enigma, che avevano il torto di ripetere spesso gli stessi termini. Questa volta la faccenda potrebbe essere più seria, dal momento che sono recidivo nell'incappare nei rigori degli algoritmi selettivi di Google.
Dunque tenete presente che per ritrovarmi facilmente sarà meglio aver registrato un bookmark, per non ricorrere a questo motore di ricerca a cui sono antipatico.
D'altra parte, non si può escludere che ci sia stata qualche lamentela di un visitatore (o addirittura della RSI) che abbia prodotto questo oscuramento dell'indirizzo del blog "alviset". Per il resto, nulla è cambiato: se non trovate qui la soluzione del giorno (o anello) mandatela pure tramite i commenti della pagina precedente.
Allarme rientrato: con piccoli cambiamenti progressivi sono riuscito a ritornare in cima alla prima pagina.
Resta comunque un discorso da approfondire: sto meditando un nuovo post su argomenti di questo tipo.
Ad esempio le sorprese del contatore. (Vedi post in data 05.03.2016).

Nel frattempo mi ritrovo (09.03.2016) ri-bandito da Google. Uffa!

Etichette: , , , ,




This page is powered by Blogger. Isn't yours?